DeriveApprodi

Il ruolo delle tecnologie digitali nella comunicazione sociale e nelle trasformazioni dei processi produttivi.
La crisi delle forme tradizionali della rappresentanza politica e dell’organizzazione statuale.
I processi economici e finanziari della globalizzazione.
L’impatto delle popolazioni migranti sulla cultura e l’identità.
Le espressioni degli odierni movimenti sociali in rapporto a quelli storici nei contesti metropolitani e periferici.
Le sperimentazioni di forme di vita e comunità alternative.
I nuovi strumenti di controllo e repressione.

Sono queste le coordinate principali della nostra ricerca editoriale. Saggi, romanzi, pamphlet e testi collettivi sono le forme di narrazione che ci hanno consentito di raccogliere le tracce e le testimonianze di questo presente tumultuoso e discontinuo. Delle sue rivoluzioni in corso.

DeriveApprodi nasce a Roma nel 1998. Al proprio attivo ha oltre 400 pubblicazioni che trovano spazio in collane sia di saggistica che di narrativa.

Tra gli autori pubblicati:  Alain Badiou, Alberto Burgio, Aldo Tagliaferri, Alessandro Portellli, Andrea Camilleri, Ashwin Desai, Augusto Illuminati, Barbara Balzerani, Cesare Battisti, Cesare Bermani, Christian Marazzi, David Graeber, Edmund White, Edoardo Sanguineti, Francesco Leonetti, Franco Arminio, Franco Berardi (Bifo), Franco Piperno, Frantz Fanon, Francois Chesnais, Ghada Karmi, Giairo Daghini, Gianluca Arcopinto, Gianni-Emilio Simonetti, Gilbert Simondon, Gilles Clément, Gilles Deleuze, Gustavo Buratti, Isabelle Sommier, Jacques Rancière, Jean Giraud – Moebius, Jean Mlaquais, Jeff Schonberg, Jeremy Brecher, John Holloway, Joh, Maynard Keynes, Julio Cortazar, Karl Marx, Loic Wacquant, Luigi Veronelli, Mae-Wan Ho, Mario Soldati, Mario Tronti, Massimo Ilardi, Maurizio Lazzarato, Michael Hardt Michel Foucault, Michel Le Gris, Nanni Balestrini, Noam Chomsky, Omero, Paolo Ferrero, Paolo Morelli, Paolo Nori, Paolo Virno, Patrizio Gonnella, Paul Rogers, Philippe Bourgois, Philippe Manche, Pierre Zwveiacker, Ray Bradbury, Riccardo Pedrini, Sandro Mezzadra, Serge Quadruppani, Sergio Bologna, Slavoj Zizek, Stanley Aronowitz, Stefano Montesi, Tiqqun, Toni Negri, Ugo Cornia, Valerio Evangelisti, Vandana Shiva, Yvan Sagnet.