Informazioni utili per la lotta al macero (2)

#Minimo30

MaceroNo campagna DeriveApprodi

Informazioni utili per la lotta al macero (2)

Che cos’è la resa libraria

Quando si entra in una libreria e si vedono quelle centinaia e centinaia di libri tutti ordinatamente allineati sui tavoli e sugli scaffali viene normale pensare che siano di proprietà del Libraio che li ha acquistati per poi rivenderli a noi con un margine di guadagno.
Sbagliato! Di quei libri il Libraio ne ha effettivamente comprati (in «conto assoluto», si dice in gergo editoriale) solo una piccola parte. La gran parte l’ha acquistata in «conto deposito», ossia l’ha acquistata virtualmente, poiché è per lui possibile restituirla in resa, anche in tempi strettissimi – due-tre mesi – laddove non sia riuscito a venderla o si ritrovi nella necessità di rientro di liquidità monetaria, operando così quel che si definisce una «resa finanziaria».
Il meccanismo della vendita in forma di «conto deposito» (una vendita sì fatturata, ma con scadenze di riscossione molto dilazionate, la prima delle quali è solitamente a 6 mesi dalla sua emissione) mette l’Editore in una condizione di gestione amministrativa del tutto aleatoria. Capita cioè (per fare un esempio) che un editore emetta una fattura di vendita in «conto deposito» di 10.000 euro con scadenza di saldo a 6 mesi e si ritrovi, prima di quella scadenza, a rischio di restituzione in resa di parte o addirittura di tutta quella somma. Somma che magari nel frattempo si è fatto anticipare da una banca per poter disporre di una liquidità necessaria a far fronte ai pagamenti mensili, sia dei costi della produzione tipografica (carta stampa e confezione) che generali: fornitori di servizi vari, locazioni, collaboratori, utenze ecc. ecc.

I volumi resi dopo essere transitati dai magazzini del Distributore dell’Editore – figura di mediazione e gestione di tutte le transazioni economiche tra l’Editore e il Libraio del quale ci occuperemo in un altro capitolo – vengono riconsegnati ai magazzini dell’Editore divenendo giacenza perlopiù economicamente passiva, e per questo suscettibile di eliminazione attraverso la messa al macero.

Capittto?