New Men’s Land

Storia e destino della Jungle di Calais

€ 12.00 in uscita

Questo libro racconta la storia della prima città fondata nel XXI secolo: la Jungle di Calais. Una città nata all’inizio degli anni Duemila e distrutta nel 2016, perché al centro di una guerra di civiltà tra un’Europa delle nazioni che lotta per non morire e una nuova idea di mondo senza confini ancora troppo giovane per riuscire a difendersi.
Nell’ultimo anno di vita di questo luogo complesso e controverso, l’artista Gian Maria Tosatti ha iniziato a illustrare, con scritti e opere, una prospettiva diversa sull’esistenza di quella che forse è stata, per alcuni anni, la vera capitale di un’Europa contemporanea, finalmente post-coloniale e fondata sui principi di libertà, uguaglianza e fraternità. Il «grande campo profughi» descritto dai media internazionali  con questo libro diventa un racconto, lucido e poetico, capace di cogliere l’essenza reale di ciò che è stato e della sua eredità.

Un Assaggio

Ecco, il popolo che ha ricevuto il dono della vita per la seconda volta venire a insegnarci, sulla terra di Francia, i principi rivoluzionari di libertà, uguaglianza e fraternità. Eccoli i figli bastardi della Francia, fatti con le schiave, ma pur sempre figli, venuti con la giungla a ripristinare il diritto naturale che non conosce classi, non conosce razze. Seduti sulla terra che gli spetta. Perché non c’è terra su cui anche l’ultimo degli uomini non abbia il diritto di sedere e di vivere. Lì ecco i figli dell’Europa, ecco i fratelli, ecco i padri fondatori di un atto mitico, la fondazione di una città. Ecco dare corpo all’unico punto della terra in cui possa nascere un arcobaleno.

New Men’s Land
aprile

Non c’è terra su cui anche l’ultimo degli uomini non abbia il diritto di sedere

Stesso Tema